MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 14 marzo 2017

Why does the US need to get rid of the euro

(...the last time I accessed this document was on October 19th, 2016. I had been asked to write it by a think-tank, under a tight time constraint. I had been told that the text would be published before the US Presidential election. It was not. Therefore, I offer it to my blog's readers. At least, someone will read it...)



Seventy-one years ago, the Axis powers lost WWII, leaving the US with the demanding task of managing its victory and defining a new global architecture. The US did this by setting up ambitious institutions, such as the Bretton Woods system and NATO, and by supporting the European integration project. Institutions have much inertia, which while favoring stability, may prevent vital change in response to evolving situations. This explains both the success of many political projects, and their ultimate fall. The same applies to European integration.

NATO and European integration shared the strategic goal of creating a cohesive alliance that could withstand what was at the time perceived as a credible threat: the Soviet Union. They were successful. NATO (not the EU) secured almost six decades of peace in Europe, while economic integration was a key to prosperity in the former world leader, Europe.

Then something happened. The Soviet system collapsed, which among many other things, brought back to the fore what had for centuries been the root cause of much suffering: the difficult relationship between France and Germany. Berlin-wall panic suggested the nonsensical and impossible goal of European political union. The worst possible way was chosen to pursue it, namely by forcing it through establishment of a European monetary union. No democratic or even meaningful political process can take place in an area which does not share a language or national identity. Yet, despite advice to the contrary from prominent US economists (ranging from Feldstein to Krugman), a hasty marriage of convenience between France and Germany, with the single currency as wedding ring, was seen as necessary in Europe in order to avoid intra-European conflict. Much has been written about whether building a political house starting from a monetary roof was actually a mistake. Like any economic choice, the euro affected the distribution of income, creating losers and winners. The latter of course cannot bring themselves to consider it a mistake. While opinions on this point may differ, everybody agrees that as of today the euro is failing.

The reason for its failure is the same that put the Bretton Woods system out of its misery: both institutions fostered external imbalances, though for different reasons. The original sin of the Bretton Woods system was to adopt the currency of a state as the world currency. The euro’s original sin was to adopt the currency of no state as a regional currency. Their common flaw is fixed exchange rates, that prevent balance-of-payments adjustment. If, for whatever reason, this mechanism is hindered, it must be replaced by something else. The relatively long life of the Bretton Woods system was secured by financial market regulation and by the vision of its leader, the US. These two things are missing in the Eurozone, where unfettered capital movement is fostered in the absence of any regional supervising institution, and where the regional leader, Germany, is patently obsessed by the very short-sighted aim of increasing its external surplus as much as possible.

This Wille zur Macht is now backfiring. Keynes’s proposal at the Bretton Woods conference gives us good insights into what is happening. Keynes proposed to settle international trade in a supranational currency, the Bancor, issued by a world bank, which would charge an interest rate on negative and positive Bancor balances. The rationale for this apparently unfair symmetry (why force a creditor to pay interest, rather than earning it?) is that international debtors and creditors both benefit from international finance: thanks to international lending, the former can buy goods they otherwise could not afford, while the latter are able to sell goods that would otherwise remain in stock. By proposing such perishable money, a currency that by design could not be a store of value, Keynes aimed to discourage mercantilism, i.e. the temptation to hoard international assets rather than reinvesting them in the world economy, thus mitigating the potentially destabilizing properties of fixed exchange rates. The euro obtained the opposite result. Its rigidity fostered mercantilism both by helping redirect trade to the benefit of core countries, whose currency is undervalued in real terms, and by preserving the value of their net foreign assets.

But the supposed winner of the euro game, Germany, is now at a dead end. If it wants to keep the Eurozone alive, Germany must accept the very loose monetary policies run by the ECB. Ironically, Keynes’s negative rates are coming back in disguise, putting strain on the Eurozone banking and pension systems, especially in Germany. On the other hand, a tighter monetary policy would give relief to the creditors, but for the very same reason would lead the debtor countries to immediate collapse by making it difficult to service the debt. Any illusion that fiscal expansion could solve this conundrum must reckon with the fact that the countries needing fiscal stimulus, i.e. the Eurozone peripheral countries, are the very same countries where an increase in income would bring about external deficits, again fostering the imbalances that caused the crisis.

Germany romped to victory by manipulating the forex market (as the US Treasury recently recognised), but must now choose between losing everything at once (through the collapse of its debtors) or little by little (through zero or negative interest rates). In the long run, irrational economic choices have no winners: bad economics cannot be good politics. What should have united Europe is now dividing it. The United Kingdom is going, and continental Europe must now choose between increasing confrontation or surrender to German hegemony. The US, like any global player, must reckon with the evidence that the euro has unnecessarily revived the German question, which it was meant to prevent.

If the US decides that it is in its best interest to deal with a politically divided, economically failing, socially unstable Europe, then supporting the euro is the best option. After all, the divide et impera (divide and rule) principle secured a former Empire some five centuries of existence. If instead the US feels that a politically and economically healthy Europe could be a key partner on the global stage, then it should promote a controlled end to the euro. Undoing the euro will be costly, though less costly than its alternative, which is protracted stagnation of the European and hence the world economy, and the growing risk of a major financial collapse. Secular stagnation and zero interest rates are not a result of some remote astrological circumstance: they are mostly the effect on the global economy of using wrong European rules to manage huge imbalances accumulated due to flawed European institutions. Although Europe is declining, it is still too big to fail without causing great trouble in the global economy.

No matter how much political capital is invested in it, the euro will fall, as top US economists predicted. The most likely cause will be a collapse of the Italian banking system, which will take the German one with it. It is in the interest of any political power, certainly of the declining European leaders, and probably also of the US, to manage this event rather than passively await it.



44 commenti:

  1. Excellent synthetical but comprehensive account of the current economic situation, which clearly shows the causes that have lead Europe to the political and economic crisis it is currently facing as well as how this will develop in the short/medium term.

    RispondiElimina
  2. Alberto, ti scrivo qui il testo di una mia umile considerazione a margine di un breve scambio con Sergio C.
    "Sergio, se mi consenti una breve analisi politica, credo che a tirarci fuori dal pantano non sarà nè qualcuno in Italia, nè la Le Pen, bensì Trump: nonostante l'andamento del cambio lira-dollaro, fosse stato sempre sbilanciato a favore del dollaro, specie negli anni 80 (sappiamo cosa è successo con Volcker), in realtà si è avuta una rieterata rivalutazione del marco nei confronti della lira e dello stesso dollaro negli anni a seguire -- serie storiche cambi annuali.
    Per Trump il vero nemico, passami il termine, è la Germania (manipolatrice di moneta e responsabile di aver creato un buco nero dell'economia mondiale), per cui sarebbe il caso di avere il supporto USA nella fase post-exit dall'euro con due azioni: svalutazione secca della nuova lira preferibile rispetto ad una graduale che sarebbe foriera di speculazioni da parte dei mercati finanziari che anticiperebbero le successive svalutazioni causando sì dei problemi, ed un prestito in dollari da parte degli USA per rendere credibile la rinascita economica ed industriale dell'Italia, insomma un Piano Marshall pt.2. che eviterebbe le scemenze di svalutazioni paventate dell'80% o millemila percento. Molto probabilmente la contropartita da parte degli USA sarebbe quella di rinunciare, in un primo momento, alle velleità di uscita dalla NATO o di appoggiare apertamente da un nuovo governo nella gestione eurexit qualsiasi supporto a Putin"

    La risposta di Sergio "Trump chi lo capisce"...

    RispondiElimina
  3. Fantastic summary and argument. This article must be brought to the attention of the American people, media and government. I will certainly do my best to spread it around.

    Regarding the title, standard contemporary American usage would be "Why does the US need to get rid of the euro"

    See this amusing history of the US singular/plural debate:

    https://www.visualthesaurus.com/cm/wordroutes/the-united-states-is-or-are/

    RispondiElimina
  4. Si ma io di inglese non capisco un cazzo :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, c'è già la traduzione su Voci dall'Estero

      Elimina
    2. A mme mo 'o dici?
      Becchete questa.
      http://vocidallestero.it/2017/03/14/perche-gli-stati-uniti-hanno-bisogno-di-liberarsi-delleuro/

      Elimina
    3. Siamo in due ;)
      Nat santa anglicana subito!

      Da qualche anno poi l'inglese è la lingua che odio di più. Tutte le più grandi fregature vengono nominate in inglese: spending review, job act ecc.... È la lingua preferita dai "professori" di economia. :-)

      Elimina
    4. Ma non è una brutta lingua dài...certo l'italiano ha tutt'altre radici, ma l'inglese è sintetico, adatto per la corrispondenza commerciale e le canzoni di facile presa...peccato oggi la si adoperi per fotterci.

      Elimina
    5. A sepal, petal, and a thorn
      Upon a common summer’s morn,
      A flask of Dew - a Bee or two -
      A Breeze - a caper in the trees,—
      And I ’m a Rose!

      Elimina
    6. Circa l'inglese: è anche la lingua di Shakespeare, by the way, o di chiunque abbia scritte "quelle cose là" che vanno sotto quel nome.

      Addendum: che fosse un Omero o fossero due o un "omero" nel senso di "aedo", certo questione importante "in sé" (?) e che comunque ha costretto a riflettere chi voleva e anche chi no, influisce sulla grandezza di quanto va sotto il nome di Omero?

      Credo di no e inoltre...I don't care less (recente aggiornamento avente per fine l'apprendimento di espressive espressioni simil-italiche) :-)

      Elimina
    7. Un sepalo, un petalo, una spina
      In estate, qualsiasi mattina
      Fiaschetti di rugiada, uno o due insetti
      Una brezza - tra gli alberi un'ebbrezza
      E sono una rosa!

      Elimina
    8. Correggo il mio errore del 16 marzo:

      I couldn't care less.

      Non importerà a nessuno, ma ci tengo a non diffondere notizie false ancorché non tendenziose...

      @Nat
      È Emily Dickinson, vero? Se no, ne ha tutta l'aria.
      E grazie per la poesia.

      Elimina
    9. Correct ;-) You are welcome! (Peccato dover rinunciare alle api, ma a volte viene voglia di provare a mantenere la rima)

      Elimina
  5. Il centro del centro del problema del denaro:

    "By proposing such perishable money, a currency that by design could not be a store of value, Keynes aimed to discourage mercantilism, i.e. the temptation to hoard international assets rather than reinvesting them in the world economy"

    E, il centro del centro del centro: "perishable money"

    Perché viva l'economia, il denaro deve essere mortale. O meglio, deve vivere soltanto finché lavora, servo del suo impiego e non causa finale e padrone.

    A me sembra che da questo assunto si possa derivare l'intera visione economica cui aderiamo in questo spazio. Se sbaglio, non ho capito un cazzo... e ci sta.



    RispondiElimina
  6. In the long run, irrational economic choices have no winners: bad economics cannot be good politics.

    Ieri sera mi ha fatto una certa impressione, l' ignoranza di questo principio basilare, da parte del marxista Giuseppe Vacca, gram(fa)scista di peso. Diceva in particolare ad Alfredino D' Attorre, che avevano messo in crisi "La Prospettiva europea" con la loro diaspora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma magari! In realtà manco è una diaspora seria sulla questione UE. Me lo ricordo bene D'Attorre questo ottobre a piagnucolare - non c'è altro verbo possibile - ANCORA!: "ma è troppo presto...": ce l'avevo in faccia, ce l'avevo. Dettagli che non si dimenticano. Costoro apparentemente aspettano sempre il via libera da qualcuno. Prima hanno aspettato Hollande - e avuto la loi travail. Poi hanno aspettato di vedere le elezioni USA. Poi hanno aspettato il referendum. Così dagli anni'70 peraltro. Questa è la loro tattica politica: venderci l'attesa per non disturbare l'azione altrui.

      Ora aspettano le elezioni francesi, figuriamoci. Il banchiere Rotschild Macron, cioè la UE sotto al letto, nel suo programma c'è la creazione del bilancio UE gestito da un ministro UE e di un esercito con la Germania o Fillon: comunque non sarebbe diverso da quel punto di vista.

      Ma loro si saranno tenuti i piedi all'asciutto!
      Veramente gente inutile, incapace di guidare o di assumere una qualsiasi reale iniziativa politica che non sia andare a rimorchio, per non dire peggio.

      Sono senza spina dorsale e senza alcun interesse se non per sé stessi. Inutili e pericolosi.

      Elimina
    2. P.S.: ovviamente dopo le elezioni francesi ci saranno da aspettare quelle tedesche...

      Elimina
  7. "If the US decides that it is in its best interest to deal with a politically divided, economically failing, socially unstable Europe, then supporting the euro is the best option."

    Gli Stati Uniti hanno già deciso per l'Euro, se diamo retta a quello che ci ha spiegato in questa sua "analisi" Giannini (plurale di Giannino, e ho detto tutto), nel caso vi foste persi questa peeeerla :

    "Ma chiaro fin da ora è che proprio l'Europa si offre come la vittima sacrificale designata di un nuovo ordine mondiale fondato sul "trumputinismo". E così si torna al paradosso iniziale: ma perché tanta aggressività contro un soggetto politicamente debole se non irrilevante? La verità nascosta è che, meglio e più dei leader europei, Putin e Trump hanno capito quale ingombrante ruolo di peso potrebbe giocare l'Europa se solo riuscisse a muoversi unita."

    Il TRUMPUTINISMO!

    Iddio non abbia pietà di loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che (ir)rilevante direi (ir)responsabile, (ir)razionale, (ir)recuperabile.
      Naturale e dal punto di vista di L.go Fochetti, ottimo prodotto doc del vivaio del divino Barbapapà; ogni cosa ha la sua giustificazione, sono tutti così, fateci caso, non ce n' è uno che sfugga.

      Elimina
    2. Non è Giannini, ma Massimo Riva.
      Cambia poco, questo saranno più di trent'anni che lo leggo (Espresso+Repubblica) e, a mia memoria, non ne ha azzeccata una che sia una.
      Ex-senatore PCI anni 80.
      Tutto si tiene.

      Elimina
    3. Hai ragione, mi ricordavo di aver letto di sfuggita la puttanata del "Trumputinismo" a firma Giannini, e quando sono andato a ricercarla con le chiavi "repubblica" e "trumputinismo" quello è il primo articolo che ho trovato: non ho verificato la firma (in effetti, visto il contenuto, concorderete che Giannini come autore è perfettamente plausibile).

      L'articolo a firma Giannini dove ho visto citato il "Trumputinismo" è questo, ed è successivo a quello erroneamente indicato, ma anche qui le peeeerle sono di valore assoluto, tra queste una è eccezionale:

      "Dunque Giorgio Napolitano ha perfettamente ragione, quando dice che in un Paese civile si dovrebbe arrivare alla fine della legislatura, perché troppe volte abbiamo fatto ricorso allo scioglimento anticipato delle Camere." - Questa è davvero spettacolare! L'autore del golpe per procura che invoca la continuità delle legislature pur di evitare le elezioni!

      Elimina
  8. Stavolta volantiniamo Parigi o Berlino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora credo basti Roma.
      Portando a spasso il cane ho visto che da una settimana circa, a tutti gli ingressi del parco di Aguzzano (dove c'e' il Casale Alba 2), sono state affisse le locandine dell'appuntamento col Prof. di domenica.
      Proprio nel giorno in cui avevo gia' accettato un invito.
      Il destino e' quel che e'.....

      Elimina
  9. Everything is illuminated (cit.)

    RispondiElimina
  10. Per chi vuole davvero capire, senza pregiudizi, ecco la vera storia del fenomeno €uro: perchè gli USA lo hanno prima pianificato, imposto e protetto e perché ora lo lasceranno crollare, a tutto vantaggio dei popoli diversamente teutonici. Grazie a Mr. Trump! E per quelli che, invece, ancora credono alla buona fede dei sedicenti "padri nobili"​ del cosiddetto "sogno europeo"​, e continuano a riempirsi la bocca con i vari Spinelli? Beh, il consiglio è sempre lo stesso: evitate l'abuso di droghe, ancorché leggere...

    RispondiElimina
  11. Professore buonasera,
    La seguo sul blog dal 2012, poi sui vari social media, ed ho avuto il piacere di conoscerLa personalmente a margine di un convegno, dove era presente anche il professor Becchi, lo scorso anno a Roma.

    Le invio un piccolo OT che spero sia utile a calare ciò che leggiamo ogni giorno su queste pagine, nella vita reale, ed in particolare nel mondo delle pmi.

    Il mio lavoro è vendere macchinari ad alto valore aggiunto, da dipendente (prima p.iva, da due anni assunto con jobs act), per un'azienda italiana che li produce in Italia, nel settore dell'alimentazione.

    L'ambito di applicazione di questi strumenti, che riguardano la gestione del freddo nei vari laboratori/cucine, è molto ampia: pasticcerie, ristoranti, paste all'uovo, panificazioni ecc., partendo da aziende di dimensioni molto piccole (le classiche gestioni familiari, che naturalmente, sono la maggior parte del mio mercato) fino a vere e proprie "piccole fabbriche", sempre in ambito artigianale.

    Fortunatamente, l'applicazione di questi strumenti è in rapida evoluzione, in Italia come all'estero, per cui, nonostante il contesto di mercato, diciamo, non proprio favorevole, l'azienda per la quale lavoro registra margini di crescita a doppia cifra da vari anni. Questo, fino allo scorso anno, le permetteva di finanziare direttamente gli acquisti dei clienti con pagamenti "comodi" che, in alcune circostanze, potevano arrivare anche a 12 mesi, venendo incontro alle necessità soprattutto delle piccole imprese che difficilmente avrebbero potuto altrimenti effettuare l'investimento, sia per la stagnazione secolare che ci attanaglia sia per l'oggettiva difficoltà nell'accesso al credito.

    Questo, fino allo scorso anno perché, l'azienda di cui sopra, volendo allargare la vendita diretta, finora esclusiva italiana, ad altri paesi europei, sta pianificando una serie di investimenti in tal senso, ponendo un argine drammatico all'esposizione verso i clienti (il classico 30-60gg per cifre sotto i €10000 e 30-60-90 per quelle superiori).

    Per cercare di ovviare all'inevitabile ripercussione sul mercato interno, lo scorso autunno è stata siglato un accordo con un'azienda specializzata in noleggi operativi (Le lascio immaginare di quale nazionalità europea sia..........).

    Questo strumento si è dimostrato da subito efficientissimo: 3 documenti banali ed in meno di 24 ore delibera assicurata. In caso di positività, immediato invio del contratto che permette al cliente di non tirar fuori all'inizio alcun anticipo ne iva. La clientela, però, si è dimostrata un po' freddina per via del costo del finanziamento, piuttosto altino.

    Anno nuovo, vita nuova. Ci vengono inviati nuovi coefficienti per il calcolo dell'ammontare delle rate e, facendo preventivi, con stupore mi rendo conto che la quota di interesse è più che dimezzata, rendendo particolarmente interessante questa nuova possibilità. Chiedendo informazioni in merito mi viene spiegato che la società di noleggio operativo usufruisce del famoso ammortamento al 140%, avendo sede anche in Italia, e che, grazie a ciò, l'anno precedente ha realizzato utili da capogiro, potendo così diminuire i tassi praticati ai clienti.

    Inutile sottolineare che ora le vendite con noleggio operativo si stanno moltiplicando come funghi.

    A tutto ciò, io ho tratto una piccola riflessione:
    Non solo con i soldi dello Stato italiano (140%) stiamo remunerando capitali stranieri (....nord europei....fuochino....), ma oltretutto, con essi stiamo spingendo le nostre pmi ad indebitarsi ancora di più con l'estero.

    Ho paura che da qualche parte il cetriolo sia già in viaggio....

    Un saluto e un ringraziamento per la Sua opera di divulgazione,

    Giovanni Z

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che ricordo quell'incontro a Roma nel complesso di S.Salvatore in Lauro, con Alberto e Becchi, non mi è chiaro il meccanismo. Provo a ripetere ciò che ho capito: una società tedesca, immagino(sarebbe interessante sapere chi c'è dietro), di non so quale tipo, ovvero se solo finanziaria o anche tenica, con sede operativa in Italia, da in concessione, come per le auto in leasing, per es. Il macchinario, e quindi prende dei canoni. Non capisco a chi vada il vantaggio del sovrammortamento e con quale meccanismo, invece di sgravare l'azienda italiana, finanzia la soc. concessionaria. Inoltre, a parte il fatto che sarebbe interessante sapere dove la soc. paha le tasse su quegli utili, è legale che tali utili vadano in capo a tale soc.?

      Elimina
  12. OT: al di là di chi sarebbe stato comunque contento perché "la sx(???!) ha perso evviva" come allo stadio, rimane un mistero come il partito al governo, che quindi fa la politica che sappiamo, abbia potuto piacere così tanto agli Olandesi da stravincere in quel modo. Dalla cartina l'Olanda è uno sfondo viola con qualche macchiolina eterodossa. Forse in parte il merito è di una legge elettorale opportuna.
    Ma se D. era il personaggio che sappiamo il vincitore è comunque dell'ALDE, non esattamente un gruppo scettico.

    Insomma: Austria (con doppie elezioni...), Olanda, due paesi del centro tedesco reagiscono in maniera sostanzialmente stabile. Lo stesso alla periferia nella Grecia ancor più incomprensibile del calabraghe: la UE non è gli USA. In Italia i 5* sono alacramente allo studio per neutralizzare del tutto un no alla UE in realtà mai praticato. Il no davvero concreto i popoli europei lo hanno detto da anni nei referendum. Purtroppo non basta.
    Ci si può aspettare che la stessa cosa avvenga in Francia. Un successo, certo, per i partiti EFN che quindi saranno legittimamente soddisfatti. I cincischianti non mette conto nominarli.

    Qualcuno ha previsto che la crisi duri, cioè venga artificialmente prolungata, almeno fino al 2025, no? Qualcun altro scriveva tempo fa: Dobbiamo mettere in conto una generazione di scontenti. Ci siamo quasi: 2000-2025.

    Per noi comuni mortali saranno altri dieci anni di massacri (di salari e servizi) e di agonia (calo della speranza di vita e eutanasia da "fine di esperienza della stessa" come da legge olandese, appunto).
    L'ordine regna, con qualche bastonata ogni tanto, che vuoi che sia: i soliti teppisti.

    Il più grande successo dell'euro.

    RispondiElimina
  13. Finalmente il prof è approdato (con foto) sul Financial Times: https://www.ft.com/content/6d67cf26-08b2-11e7-97d1-5e720a26771b

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che se arrotoli la versione cartacea e la porti all'orecchio a mo' di conchiglia puoi sentire alcune specie di roditori.

      Elimina
    2. Anche sul Financial Times! Mi sa che il prof adesso si rivela per ciò che è sempre stato: un'agente in incognito della Perfida Albione che è invidiosa dell'euro e semina zizzania per impedire leuropafederaleee!

      Elimina
    3. Finalmente posso morire soddisfatto!
      Nun ce vonno sta, prima blateravano di nuovo referendum su brexit, poi doveva intervenire la Corte, poi etc etc, adesso sperano cje la Scozia si separi e rinunzi alla sterlina e non vogliono rinunziare all'euro.
      Mi viene da ridere!!!

      Elimina
    4. Perdonate "un'agente", ho scritto di fretta e non me ne sono accorto.

      Elimina
  14. «…e parlano di te» (cit.)

    https://www.ft.com/content/6d67cf26-08b2-11e7-97d1-5e720a26771b

    RispondiElimina
  15. Stavo discutendo in casa sull'euro e riflettevamo su chi è contro l'euro in Italia.
    Lega e FdI ma la Meloni è più morbida in merito e la Lega ci sono stati momenti in questi due anni in cui pareva svoltare in senso "cambiare l'euro dal dentro".
    In pratica se un 40% forse anche 45% di italiani è anti euro il grosso del merito è di Borghi e Bagnai non tanto dei partiti (anche se il merito di aver portato in politica Borghi è sempre della Lega).

    Sono pessimista invece sul crollo dell'euro per via Trump.
    Sarà perché vivo sotto la bolla mediatica italiota ed europeota ma lo percepisco un po' isolato.

    RispondiElimina
  16. It would be very interesting and impactful if articles and research shared in this blog were also available in English. The spectrum of topics covered along these years and analysis made around the future of EU and the euro are not only relevant for Italians but for all people living in the Continent. In this regard, is a piety all this content is confined to Italian speakers only. As I follow the Blog already since many years, I understand that managing it in Italian only requires from Professor Bagnai already a huge effort. The natural question is on whether he could consider the possibility in the future to issue an English version of at least some selected articles from the Blog and how, in case, we English speaking followers could contribute to that.

    RispondiElimina
  17. Scusate la prosaicità della mia domanda, ma se "The most likely cause will be a collapse of the Italian banking system" io cosa dovrei fare col mio misero malloppo?

    RispondiElimina
  18. L'Olanda resta legata a Bruxelles. In Francia lo scoglio è il ballottaggio.

    Senza molto sperare, tra le possibili fonti di squilibrio interno all'UE resta l'appuntamento del 24 settembre in Germania, dove sarà il turno delle "centurie europee di prima classe" di ogni Länder.

    http://www.maurizioblondet.it/orban-diceva-vero-patto-segreto-merkel-erdogan-esiste/

    Visto che il "first-mover advantage" interno all'UE sta progressivamente venendo meno, il "detonatore" vero sempre quello resta, lo si trova guardando la magnifica e temibilissima cartina tornasole: http://goofynomics.blogspot.it/2016/04/la-fenomenologia-di-maastricht-e-di.html

    RispondiElimina
  19. Giornata scandita dal bruxismo. Pare che Twitter abbia messo a posto il bilancio grazie alle sponsorizzazioni ortodontiche. Ma, poi, vuoi mettere la soddisfazione di leggere "goofynomics" sulla salmonata Bibbia mainstream?
    Ma veniamo alle dolenti note.
    Il professore Paolo Savona ha chiesto agli economisti uno scatto di reni, un sussulto di dignità. Ma, niente. L'appello è caduto nel miserabile vuoto dei tengofamiglia, nella migliore delle ipotesi impegnati in infantili atteggiamenti delatori, piuttosto che nell'orgoglosa rivendicazione delle loro pur opinabili tesi. Il vero tradimento è questo. L'elite culturale che ha definitivamente rinunciato all'ultima occasione di farsi avanguardia, di rispettare la vocazione che "istituzionalmente" le compete. È tutto molto triste. Un paese in difficoltà avrebbe bisogno di riferimenti culturali, prima ancora che politici. Ma chi poteva, vi ha rinunciato.

    RispondiElimina
  20. .. l'aspetto geopolitico rilevante in rapporto alla tenuta dell'euro è il conflitto Germania - USA che si conferma come da previsione ...

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.